Altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filtra per categorie
Editore
Franchise
Gioco
Riflessione
Sviluppatore

Altri risultati...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filtra per categorie
Editore
Franchise
Gioco
Riflessione
Sviluppatore
Cover del gioco Tomb Raider: The Last Revelation
Recensione

Riflessioni – Tomb Raider: The Last Revelation

L’occhio di Horus é il simbolo più comune dell’antica civiltà egizia, con significato di protezione e/o rivitalizzazione, usato porporio per questo, in gran parte delle tombe e sarcofagi funerari. Questo capitolo di Tomb Raider sembra rifarsi a questo elemento della mitologia egizia.

L'Amuleto di Horus

L’amuleto di cui si parla nel gioco, seppur esteticamente diverso, potrebbe far riferimento all’ Occhio di Horus. Partiamo però dalle fondamenta. Nel gioco, ad applicare l’amuleto come sigillo su Seth è il sacerdote Semerketh. Nella storia egiziana Semerketh era il nome di un faraone della prima dinastia che divenne famoso principalmente per la profezia dello storico e sacerdote Manetone, che profetizzo una tragica calamità durante il regno del faraone.

Il sovrano inoltre aveva nel serekht(una specie di stemma utilizzato in Egitto per indicare i sovrani) un simbolo che è traducibile come “compagno della comunità divina”. Non sembra dunque così strano l’utilizzo del nome Semerketh per il sacerdote, che si ricollega alla comunità divina e alla profetizzata catastrofe di Manetone, visto i disastri letti da Lara alla rimozione dell’amuleto dalla statua di Seth.

Adesso invece analizziamo: perché Horus? Il dio è tra le divinità più venerate del pantheon egizio con diverse forme e titoli che è difficile definirne un unico ruolo: dio del sole, dell’orizzonte, della natura, dio protettore, dio unificatore… sono tanti i nomi affibiatogli, ma veniva sempre raffigurato con sembianze di falco e venerato al pari di Ra, tanto che a seguito di un sincretismo(processo che unifica per esigenze pratiche due ideologie differenti) i due dei vennero fusi nel l’unico dio Ra-Horakhti.

Nella mitologia egizia, Horus era figlio del mitico Osiride e nipote di Seth dio del caos. Secondo il mito Seth uccise il fratello Osiride, e Horus, per vendicarsi, entrò in conflitto con lo zio, riuscendo a vincerlo ma perdendo un occhio nello scontro. Ecco quindi spiegato l’utilizzo della divinità Horus per sigillare Seth, vista la loro rivalità, ed ecco spiegato perché l’amuleto possa essere l’Occhio di Horus, visto infatti nella civiltà egizia come simbolo di protezione.

Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Lascia un commentox
Effettua il Log in

Non hai un account?